Tradurre LibreOffice

From The Document Foundation Wiki
Jump to navigation Jump to search
This page is a translated version of the page Translating LibreOffice and the translation is 100% complete.
Other languages:
Bahasa Indonesia • ‎Deutsch • ‎English • ‎Jawa • ‎dansk • ‎español • ‎galego • ‎hrvatski • ‎italiano • ‎occitan • ‎עברית • ‎العربية • ‎中文(台灣)‎ • ‎中文(简体)‎ • ‎日本語 • ‎한국어

Il processo di traduzione di LibreOffice è abbastanza lineare. Il modo suggerito per lavorare alla traduzione è quello di usare Weblate (il nostro portale di traduzione online). Usando questo metodo tutto ciò di cui avete bisogno è un browser e una connessione a Internet. Se preferite lavorare offline, anche ciò possibile, vedete qui di seguito. Prima di iniziare una localizzazione, controllate con i Gruppi di localizzazione che non esista già la localizzazione.

Scadenze

Consultate il Piano di rilascio. Il Piano di rilascio indica le date in cui il codice sorgente verrà passato allo stato beta, RC o rilasciato. La scadenza per la traduzione è fissata sempre 2 giorni prima della data prevista per il rilascio. Fate attenzione che la scadenza per la traduzione dell'ultima release candidate (RC3) della versione x.y.0 è anche la scadenza per la traduzione della versione x.y.0 finale.

Per ogni compilazione:

  • le traduzioni vengono estratte da Weblate al martedì
  • viene fatto il loto commit su Git prima del cambio di stato, la cui scadenza è il lunedì

Perciò, siete pregati di aggiungere le vostre modifiche su Weblate di lunedì in modo da essere sicuri che siano incluse.


Weblate

Per maggiori informazioni sullo strumento in se, vedete il sito https://weblate.org/it/ e la sua documentazione https://docs.weblate.org/it/latest/

il server con l'istanza di TDF di Weblate contiene sempre le stringhe aggiornate da tradurre. Gli amministratori di Weblate le aggiornano piuttosto frequentemente.

Qui troverete una Guida su come usare Weblate per LibreOffice.

In cima alla pagina home di Weblate, fate clic su “Lingue” e selezionate “Sfoglia tutte le lingue”. Vedrete un elenco dei progetti attualmente disponibili per la traduzione. I loro nomi sono autoesplicativi. Per localizzare LibreOffice dovrete lavorare sul progetto denominato LibreOffice master – UI, LibreOffice master – Help, LibreOffice x.x.x – UI e LibreOffice x.x.x – Help. In generale, se state appena iniziando, probabilmente ha più senso lavorare sul master, ma se volete sistemate alcuni fastidiosi bug L10n della versione corrente di LibO, potete farlo anche nel singolo ramo.

Cosa significa tradurre il master:

Il flusso di lavoro è cambiato tra le versioni 4.4 e 5.0, anziché lavorare solamente sui rami, il lavoro può iniziare in anticipo lavorando sul master. Una volta che esiste un ramo del codice, questo si riflette sul ramo di Weblate ed il lavoro eseguito sul master viene copiato nel ramo appena creato:

Flusso di lavoro normale sul codice:

─────┬─────┬─────┬─────┬─────┬─────> master
     │     │     │     │     └─────> libreoffice-6-3
     │     │     │     └───────────> libreoffice-6-2
     │     │     └────────────────> libreoffice-6-1
     │     └─────────────────────> libreoffice-6-0
     └──────────────────────────> libreoffice-5-4

Tutti i rami prima di diventare tali sono stati "master", poi sono stati spezzati al fine di rifinire le cose. Le traduzioni erano progetti speciali, in quanto fondamentalmente non c'erano aggiornamenti "intermedi". Le traduzioni passavano direttamente dalla 4-2 alla 4-3, dalla 4-3 alla 4-4 senza aggiornamenti intermedi tra l'una e l'altra.

Il flusso di lavoro basato sul Master implica che quando la versione libreoffice-5-0 viene creata, la traduzione del master viene copiata per essere riutilizzata con questa ed il master diventa la successiva versione libreoffice-5-1. Vedete la spiegazione completa di Christian in questo thread

Se preferite tradurre offline, potete scaricare i file PO da Weblate e usare i vostri strumenti preferiti per lavorare su di essi. Troverete i collegamenti nel menu a discesa “File” della combinazione desiderata di lingua/progetto. Supponendo che disponiate degli appropriati diritti per la vostra lingua, dovreste essere in grado di caricare nuovamente i file PO o ZIP in qualsiasi momento (nel caso di file ZIP, dovete assicuravi di mantenere intatta la struttura iniziale delle cartelle).

Noterete che ci sono alcuni altri progetti disponibili su Weblate. Questa è una loro breve panoramica:

  • Impress Remote: qui potete localizzare l'applicazione per cellulare Impress Remote.
  • Online: qui si trovano le traduzioni per le versioni di LibreOffice Online per il web ed gli smartphone.
  • Website: questo piccolo progetto contiene i file di localizzazione relativi al sito web. In particolare, il file mysite contiene le nostre stringhe personalizzate che appaiono sul sito libreoffice.org (la maggior parte di queste sono relative alla pagina di download), il file faqs contiene la traduzione del modulo FAQ che può essere (o non essere) usato dai siti web locali, extensionssite contiene la localizzazione per il sito extensions.libreoffice.org e googleplay contiene le stringhe che usiamo nel Google Play. Non dovete tradurre tutti questi file, specialmente se sapete di non aver bisogno di alcuni di questi. Fate attenzione che molte cose generiche relative al CMS di libreoffice.org sono localizzate altrove. Inoltre, tenete conto che completando questo modulo, non otterrete un "sito web tradotto". Comunque, se volete ospitare un sito web di LibreOffice nella vostra lingua, probabilmente vorrete tradurre almeno il file mysite.

Domande frequenti

  • Caricando un file, ottengo l'errore "Siete pregati di risolvere gli errori nel modello. Errore nel parametro del metodo: questo campo è richiesto"
assicuratevi di aver selezionato uno dei campi relativi alla modalità nell'area di caricamento del File
  • Com'è possibile cercare una KeyID?
Assicuratevi di aver selezionato Corrispondenza esatta nel Tipo di ricerca e di aver messo il segno di spunta alla stringa Commento
  • Come aggiungere membri al gruppo di localizzazione di una lingua?
Attualmente solo gli amministratori di Weblate possono aggiungere membri ai gruppi delle lingue, quindi inviate una mail alla lista l10n o a Sophie

File POT e PO

I file POT più recenti estratti dal codice si possono trovare sempre qui:

I file PO di ogni lingua supportata sono memorizzati nel repository del codice sorgente nel modulo denominato 'translations'. Questo module è gestito da Christian Lohmaier e András Tímár, che prelevano le traduzioni da Weblate (o da fonti alternative) prima di ogni rilascio e ne eseguono il loro push su git.

Suggerimenti

  • Siete invitati a iscriversi alla mailing list l10n@global.libreoffice.org. Oltre ad essere un canale di supporto per i traduttori è anche uno strumento attraverso il quale vengono comunicate informazioni importanti per i traduttori (come l'aggiornamento delle stringhe o le scadenze). Potete anche chiedere a 'timar' su irc.freenode.net nel canale #libreoffice-dev.
  • Potete modificare i nuovi file .ui usando Glade per vederli nel loro contesto. A tal fine installate Glade per la vostra distribuzione (lo conosco solamente per Linux, perciò correggete questa parte se lo conoscete anche per altri sistemi) ed anche una versione del master o dell'ultima compilazione di sviluppo che volete tradurre.
    • quindi digitate nel vostro terminale:
export GLADE_CATALOG_SEARCH_PATH=/opt/libreofficedev4.2/share/glade/** poi inserite il percorso del file che volete visualizzare:
glade /opt/libreofficedev4.2/share/config/soffice.cfg/cui/ui/pageformatpage.ui

LibreOffice Online

C'è un server di prova compilato dal ramo master di LibreOffice e LibreOffice Online con le ultime traduzione di Weblate. Per accedere si possono usare gli account LDAP di TDF.

Altri aspetti della localizzazione

Altri aspetti della localizzazione di LibreOffice sono trattati nella Guida alla localizzazione di LibreOffice.

Ulteriori aspetti sono invece trattadi nella Guida alla traduzione della UI e del contenuto dei file dell'Aiuto che indica nel dettaglio cosa dev'essere e non dev'essere tradotto, come le variabili o i contenuti dei tag xml.